carriera oss

Da più parti si invoca la nascita di una Federazione Nazionale degli Operatori Socio Sanitari e si parla di autonomia necessaria dalla professione infermieristica. Ma sono maturi i tempi per farlo?

Negli ultimi periodi, grazie anche a parlamentari disposti ad ascoltare gli OSS, la professione dell’operatore ha fatto passi da giganti (lavoro gravoso, ruolo socio sanitario, ecc.). Ora però ci si chiede se è il caso di auto-gestirsi in una Federazione nazionale della categoria, come accade da anni per Infermieri, Ostetriche, TSRM e di recente per le altre Professioni Sanitarie.

L’OSS ha bisogno di autonomia, ma come arrivarci? Sicuramente per gradi e non in tutta fretta.

Per prima cosa occorre riflettere su ciò che la professione è oggi e su come potrebbe migliorare. Ad esempio le proposte che girano maggiormente sono:

  • Diploma di maturità obbligatorio per tutti;
  • Formazione unica nazionale, non più demandata alle regione;
  • Formazione di natura para-universitaria;
  • Possibilità di carriera e di coordinamento degli OSS;
  • Albo nazionale degli Operatori Socio Sanitari.

Sono solo fantasie? Non crediamo, se ne discute da un po’ anche nel gruppo Telegram della nostra testata. E tu sei disposto a discuterne con noi?

Redazione

Di Redazione

Redazione OSS24ore.com e OSS24ore.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.